Do small things with great love-19.png

DA DOVE SIAMO PARTITI

Michela, durante il suo primo anno di dottorato, stava studiando le teorie sul meaning-making sotto la supervisione di Semira. Tali teorie sottolineavano come, a seguito di eventi importanti della vita, le persone cercavano di trovare un senso agli eventi (positivi o negativi che fossero). Nonostante ci siano diversi studi scientifici, pochi si concentravano sulla transizione dalla giovinezza all'età adulta. Quando in Italia, e soprattutto in Lombardia, il COVID-19 ha cominciato a stravolgere le vite di tutti, abbiamo pensato che occorresse mettere in campo le nostre competenze per comprendere meglio come i giovani costruissero significato di fronte a un evento così dirompente come questa pandemia. In quel momento Martina stava cominciando il suo tirocinio in psicologia, ed è stata subito coinvolta.

DOVE SIAMO

La raccolta dei dati si è conclusa, grazie al prezioso contributo di più di 600 giovani!

È ora il tempo di interrogare i dati dati raccolti, per cominciare a scoprire come nostri partecipanti abbiano vissuto e dato significato alla loro esperienza di pandemia.

In questa sezione puoi trovare i primi report di ricerca!

I RISULTATI DELLA RICERCA

Sono tre le domande di ricerca che ci siamo posti all'inizio del viaggio:

  1. Come i giovani adulti hanno costruito il significato della loro vita durante la pandemia?

  2. Dare significato alla propria vita durante la pandemia influisce sul benessere dei giovani adulti?

  3. In che modo il processo di attribuzione di significato interseca la costruzione identitaria e la percezione di adultità?

 

In questa sezione troverete le risposte che stiamo provando a dare a queste domande, grazie al contributo dei giovani che hanno partecipato alla ricerca.